fbpx
Back to top

Le stufe a pellet di ultima generazione: prestazionali, ecosostenibili e di design

Per una casa ecosostenibile, super efficiente e arredata bene ecco le stufe a pellet di ultima generazione che fanno la differenza.

Moderni generatori di calore

Grazie alle nuove tecnologie si può oggi usufruire di termostufe a pellet che utilizzano l’energia rinnovabile con minime emissioni. Sono i nuovi generatori di calore che usano gli scarti della lavorazione del legno riscaldando la casa e magari anche l’acqua sanitaria, affiancandosi ai pannelli solari o sostituendo totalmente o parzialmente il sistema di riscaldamento preesistente. Grazie al pellet le nuove stufe diffondono il calore in modo efficiente e con massima resa. Sono di conseguenza rispettose dell’ambiente, automatiche, programmabili e di lunga autonomia. Vantano bassi consumi e alti rendimenti e per questi motivi vengono scelte da sempre più famiglie perché funzionali ed economiche.

Cosa considerare prima di scegliere una stufa a pellet

I fattori principali che devono essere presi in considerazione nella scelta di una stufa di ultima generazione sono:

  • caratteristiche dell’immobile
  • dimensione degli ambienti
  • numero di stanze da riscaldare
  • tipo di riscaldamento necessario

Per riscaldare per esempio un piccolo ambiente si potrebbe optare per una stufa a pellet ventilata, l’ideale per integrare il preesistente impianto termico. Per un ambiente unico invece è meglio scegliere il modello a convezione naturale che rilascia lentamente il calore ottenuto quando la stufa è accesa. Per coloro che hanno la necessità di un riscaldamento completo ecco le stufe ad acqua oppure ad aria canalizzata.

Funzionamento di una stufa a pellet moderna

Le stufe a pellet di ultima generazione non hanno bisogno di una canna fumaria da 24 cm di diametro, ma solo di un condotto esterno di circa 8 cm di diametro che finisce poi sul tetto. Il funzionamento viene controllato da una centralina elettronica ed il caricamento del combustibile a pellet è eseguito in modo automatico, cioè dal serbatoio un dispositivo preleva la quantità necessaria per farla cadere nel focolare. L’aria esterna prelevata si unisce al combustibile per generare il calore, mentre i fumi sono aspirati da una ventola e convogliati lungo il condotto verso l’alto. Il calore generato viene diffuso nell’area circostante per convezione naturale oppure per canalizzazione forzata grazie ad altre ventole che spingono il calore stesso negli ambienti vicini.

 

Fortunatamente le abitazioni moderne sono formate da criteri di efficienza energetica elevata quindi hanno bisogno di meno calore, grazie ai vetri doppi, alla coibentazione delle pareti detto “cappotto” e a tutti gli altri accorgimenti che limitano la dispersione termica. Sono edifici che sfruttano addirittura il calore generato dagli occupanti della casa e dagli elettrodomestici, quindi le stufe a pellet di ultima generazione possono essere uniformate a questi moderni parametri. Per esempio, l’aria che si preleva non viene più dalla dall’ambiente, ma dall’esterno come nei modelli ermetici di stufe che offrono molti vantaggi tra cui: facile installazione, temperatura interna stabile, ossigeno nella camera di combustione dosato, più resa e maggiore comfort.

Il cuore elettronico della stufa a pellet

Per non farsi mancare niente le straordinarie stufe a pellet di ultima generazione sono più efficienti e vantano un cuore tecnologico. Grazie ai diversi miglioramenti nei consumi e nella resa, al fine di accontentare tutte le esigenze e risparmiare senza tralasciare calore ed ecosostenibilità, ecco la stufa a pellet con centralina elettronica. È un sistema automatizzato che gestisce la combustione assicurando efficienza e poche emissioni nocive nell’ambiente. La scheda elettronica interna svolge numerose ed importanti funzioni come per esempio:

  • regola l’ingresso dell’aria e nello stesso tempo l’espulsione dei fumi nocivi
  • imposta il caricamento del combustibile
  • controlla la combustione limitandone la potenza
  • pulisce il braciere
  • pulisce pure il vetro con un flusso di aria calda
  • l’utente deve solo impostare la temperatura, la fascia oraria e accensione o spegnimento

Sarà sufficiente un SMS per comunicare con la stufa a pellet! In alcuni modelli infatti la centralina elettronica è collegata ad un combinatore GSM che riceve i messaggi.

Un riscaldamento da remoto che a volte consente addirittura di parlare attraverso una app per sfruttare i device di oggi come smartphone o tablet. Si può allora dialogare con la stufa ed ottenere indicazioni relative alla presenza di un guasto, la mancanza di corrente, l’attivazione dell’antigelo e così via.

Il design nelle stufe di ultima generazione

Le stufe a pellet moderne non garantiscono soltanto prestazioni, tecnologia e rispetto per l’ambiente, ma anche un design curato nei minimi particolari con diversi rivestimenti tra cui pietra, acciaio e ghisa; dal disegno contemporaneo e minimal per integrarsi completamente nell’arredamento moderno. Queste stufe a pellet di ultima generazione alla fine sono anche belle da vedere, tanto che hanno ottenuto diversi riconoscimenti internazionali per il design oltre a racchiudere in sé tutte le qualità necessarie per la casa del giorno d’oggi.