fbpx
Back to top

Conto Termico, l’incentivo statale per la sostituzione di vecchi camini e stufe

Il risparmio è garantito con il Conto Termico che aiuta ad acquistare stufe e camini nuovi per la sostituzione di quelli vecchi. Con questo bonus si ottiene un incremento di efficienza energetica dato che si attinge a fonti rinnovabili per la produzione dell’energia termica.

Un aiuto importante per la riqualificazione degli immobili diminuendo i consumi e recuperando in parte la spesa sostenuta in breve tempo. Il Conto Termico è un incentivo introdotto dal Decreto Ministeriale del 2012 che è stato successivamente migliorato nel 2016.

Ma vediamo insieme di cosa si tratta nello specifico.

Cos’è il Conto Termico e quali sono gli interventi per usufruirne

Il Conto Termico è l’incentivo statale da utilizzare per la sostituzione dei vecchi camini e stufe. Viene erogato dal GSE ossia Gestione Servizi Energetici che a partire dal 2016 offre un contributo per una nuova stufa o termocamino o caldaia o sistema di climatizzazione invernale. Il rimborso è pari al 65% della spesa sostenuta per la sostituzione dell’impianto di riscaldamento o per l’acquisto di un sistema di riscaldamento solare termico.

È concesso all’interno di interventi che aumentano l’efficienza energetica dell’immobile, quindi sarà sufficiente acquistare e poi installare anche uno solo di questi articoli da sostituire nell’impianto:

I vantaggi del Conto Termico

Utilizzare questo bonus offre dei vantaggi abbastanza rilevanti come per esempio:

  • acquistando il nuovo non si spende per riparare l’impianto vecchio
  • il nuovo impianto verrà installato direttamente a cas
  • si potrà contare su di una garanzia per il nuovo impianto
  • il risparmio in bolletta sarà garantito perché il nuovo impianto è all’avanguardia
  • maggiore comfort

Altre informazioni sul Conto Termico

Il contributo di cui si ha diritto aderendo al Conto Termico è da calcolare seguendo dei parametri particolari come ad esempio la zona climatica, e viene accreditato sul conto corrente del GSE.

Se l’ammontare dell’incentivo non supera 5000 Euro il contributo è corrisposto in un’unica soluzione; se invece supera i 5000 Euro si potranno ottenere delle rate annuali accreditate direttamente sul conto corrente in un lasso di tempo variabile tra i 2 e i 5 anni, sempre in considerazione del tipo di intervento e del suo valore. Richiedendo il Conto Termico non si potrà usufruire dii altre detrazioni o bonus.

Beneficiari e impianti ammessi

Il Conto Termico può essere richiesto dalle Pubbliche Amministrazioni, dai privati o dalle imprese.

Gli interventi che rientrano nell’incentivo sono:

  • impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore elettrice o termiche
  • impianti con generatore di calore a condensazione
  • impianti di riscaldamento con generatore di calore che usano combustibili da biomassa
  • sistemi di Solar Cooling o collettori solari termici
  • scaldaacqua con pompa di calore
  • sistemi di climatizzazione invernale con impianti ibridi

Il GSE mette a disposizione un catalogo semestrale degli apparecchi o sistemi per produrre energia termica e macchine relative che abbiano i requisiti giusti per poter usufruire del bonus cioè del Conto Termico. In questo modo i consumatori potranno conoscere quali prodotti possono essere acquistati e installati.

Come richiedere il Conto Termico

Dopo aver stabilito che l’intervento da fare rientra tra quelli previsti per il Conto Termico bisogna seguire una procedura particolare.

Si conclude l’installazione del nuovo impianto e si presenta richiesta di concessione al GSE utilizzando il Portaletermico. Su questo bisogna presentare domanda entro 60 giorni dalla conclusione del nuovo impianto. Inoltre, occorrono dei documenti prima di inviare la domanda:

  • autorizzazione del proprietario dell’immobile presso il quale viene eseguito l’intervento
  • richiesta di concessione incentivi che si può scaricare e poi firmare e unire al documento di riconoscimento del responsabile
  • fatture e bonifici per dimostrare che il pagamento è stato effettuato

In pratica, il procedimento deve seguire questo percorso:

  • il richiedente compila i dati tecnici anagrafici sul Portaletermico in relazione all’intervento ed insieme alla documentazione
  • quando i dati inseriti vengono confermati bisogna stampare la scheda della domanda che andrà sottoscritta e poi caricata sempre sul Portaletermico aggiungendo il proprio documento d’identità
  • il GSE invia la lettera di ammissione al bonus e il richiedente deve accettare sul Portaletermico la scheda del contratto
  • infine il GSE paga come descritto sopra l’incentivo del Conto Termico.