fbpx
Back to top

Ci sono ottimi motivi per scegliere una stufa a pellet

A molti piacerebbe avere un camino a legna in casa, ma non tutti possono permetterselo: la legna richiede una gestione particolarmente impegnativa, inoltre molte persone vivono in appartamenti poco adatti per costruirlo.

L’alternativa al camino può essere una stufa alimentata a pellet, che rispetto a quest’ultimo è più facilmente gestibile, anche perché richiede meno manutenzione.

La stufa a pellet è un accessorio molto efficiente, in grado di riscaldare efficacemente gli ambienti domestici. Può essere di dimensioni variabili e differenziarsi anche per altre caratteristiche, ma in generale possiamo definirla un’ottima soluzione per riscaldare la casa e le persone.

Il pellet è un combustibile ottenuto dal legno non trattato. Talvolta per produrlo si usa un intero tronco, ma spesso viene realizzato a partire dagli scarti della lavorazione del legno.

Tra l’altro, c’è un altro aspetto da considerare: la stufa a pellet mostra la fiamma prodotta dai cilindretti di pellet mentre bruciano. Quindi in qualche modo restituisce l’immagine poetica e romantica tipica del camino.

Inoltre, rispetto ai camini e alle stufe a legna, quelle a pellet di nuova generazione rilasciano meno residui nocivi nell’aria, inquinando di meno.

Che cosa è il pellet

Molti ancora non sanno di preciso cosa sia il pellet. Si tratta di piccoli cilindri composti da legno pressato, trucioli e segatura. Hanno un diametro di 6-8 mm e una lunghezza massima pari a 4 cm circa.

Possiedono un notevole contenuto energetico anche rispetto allo stesso legno, perché vengono sottoposti a un processo di essiccazione che ne rimuove l’umidità.

Ottimi motivi per scegliere la stufa a pellet

Di seguito indichiamo degli ottimi motivi per scegliere di acquistare una stufa a pellet:

  • A parità di volume, il pellet produce più calore rispetto al legno.
  • Il pellet è più pratico della legna, perché viene venduto in comodi sacchi e non necessita di spazi molto grandi in cui essere depositato.
  • La combustione del pellet è meno stressante di quella della legna, perché rilascia meno cenere da dover poi pulire.
  • Il pellet rilascia meno particelle di combustione nell’aria rispetto al legno.
  • Un buon pellet è piuttosto facile da scegliere, basta accertarsi che sulla sua confezione abbia la certificazione europea ENplus e il codice dell’azienda certificata, e che all’interno del suo sacco vi sia poca segatura o -meglio ancora- che non ne abbia affatto.
  • Spesso la fiamma della stufa a pellet può essere regolata a piacimento, quindi può adattarsi alle specifiche esigenze di ciascuno.
  • La stufa a pellet spesso può anche essere controllata a distanza, cosa assolutamente impensabile, ad esempio, per quanto riguarda un tradizionale camino.

Cosa valutare nella scelta di una stufa a pellet

Dato che abbiamo indicato perché conviene scegliere una stufa a pellet, ci sembra giusto spiegare anche che cosa valutare nella scelta del modello da acquistare.

Tra gli aspetti più importanti da prendere in considerazione ci sono i seguenti:

  • L’ambiente da riscaldare: nei dati tecnici di ogni modello di stufa a pellet sono indicati la potenza e i metri cubi riscaldabili. Questi valori sono molto importanti da valutare, se l’obiettivo è quello di scaldare un ambiente in modo appropriato. Inoltre, la scelta più adatta dovrebbe essere effettuata anche considerando quanto freddo faccia di solito nella propria zona di residenza, ma anche il grado di isolamento termico della casa. Un termo-tecnico esperto, che prende in esame anche i fattori appena descritti oltre a fare altri tipi di valutazioni, è la persona più indicata per dare consigli sul modello da scegliere in relazione alla zona della casa da riscaldare.
  • La canna fumaria: se non è già presente nella zona della casa in cui si desidera posizionare la stufa a pellet, è opportuno valutare la possibilità di realizzarne una appositamente. Per installare la stufa serviranno anche una presa d’aria e una presa elettrica.
  • Il termostato: meglio scegliere i modelli con termostato integrato oppure quelli che si possono collegare al termostato a parete, con la possibilità di regolare temperatura e ventilazione.
  • Le dimensioni della stufa: sono valori da considerare in relazione alle dimensioni dell’ambiente da riscaldare e al posizionamento dei mobili. Infatti si dovrebbe mantenere una buona distanza da arredi e stufa, per scongiurare eventuali rischi.
  • Le dimensioni del serbatoio: più il serbatoio è capiente, più pellet può contenere. Una stufa con un serbatoio grande ha quindi un grado di autonomia maggiore rispetto ad altri modelli.

 

Abbiamo un offerta valida solo per questo mese .

Compila il modulo senza impegno un nostro tecnico specializzato ti contatterà per illustrarti tutte le promo 2020-21, con importanti detrazioni fiscali del 65% e sconti.







    Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo i termini della Privacy Policy